Cerca
Close this search box.

AREE DI DISCRIMINAZIONE

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione alle condizioni di accesso all’occupazione e al lavoro, sia dipendente che autonomo, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione – indipendentemente dal ramo di attività e a tutti i livelli della gerarchia professionale, nonché dalla promozione.

  • Esempio: A una madre single viene negata la possibilità di essere promossa in quanto il nuovo incarico le imporrebbe la presenza al 100% al lavoro e lei non sarebbe in grado di farlo a causa delle ripetute assenze per prendersi cura del figlio.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione all’accesso a tutti i tipi e livelli di orientamento e formazione professionale, perfezionamento e riqualificazione professionale, inclusi i tirocini professionali.

  • Esempio: Un lavoratore non viene inviato a un corso di formazione professionale tenuto in un edificio non accessibile alle persone con disabilità perché il datore di lavoro ritiene che gli adeguamenti che dovrebbero essere apportati per consentire al lavoratore di frequentare tale corso sarebbero troppo onerosi per l’azienda.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione ai termini e alle condizioni di lavoro, inclusa la risoluzione del contratto di lavoro e la retribuzione.

  • Esempio: La politica di un’azienda privata è tale per cui agli uomini viene dato uno stipendio più alto rispetto alle donne a parità di lavoro.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione all’affiliazione e attività in un’organizzazione di lavoratori o di datori di lavoro o in qualunque organizzazione i cui membri esercitino una particolare professione, nonché alle prestazioni erogate da tali organizzazioni.

  • Esempio: Il contratto collettivo prevede che solo i membri del sindacato abbiano diritto a un giorno di ferie in più.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione alla protezione sociale, comprese la previdenza sociale e l’assistenza sanitaria.

  • Esempio: Rifiuto di fornire servizi odontoiatrici a un paziente affetto da HIV.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione ai vantaggi sociali.

  • Esempio: In relazione al bando per alcuni appartamenti senza scopo di lucro, il Comune formula criteri secondo cui le giovani famiglie non possano partecipare al bando.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione all’istruzione e alla formazione.

  • Esempio: Insegnare ai bambini rom separatamente dagli altri bambini.

La Legge sulla tutela contro le discriminazioni obbliga gli enti del settore pubblico e privato e le persone fisiche a garantire la protezione contro la discriminazione o la parità di trattamento di tutte le persone nelle loro operazioni o comportamenti nei confronti di terzi, anche in relazione all’accesso a beni e servizi disponibili al pubblico e loro fornitura, inclusi gli alloggi.

  • Esempio: Un fornitore di servizi via cavo non vuole instaurare un rapporto contrattuale con un membro della comunità rom, poiché ritiene che non sia in grado di pagare regolarmente il servizio.